Club Jesino Moto Auto d'Epoca

Club Jesino Moto Auto d'Epoca

Vespe e Lambrette Domenica 07 Luglio 2019 - Jesi (AN)



NB: tutti i partecipanti avranno l'onore e la possibilità di transitare sopra il coronamento della Diga di Castreccioni, normalmente chiuso al transito dove sarà possibile ammirare la diga da una prospettiva tutta nuova !!!!!




Domenica 9 Giugno 2019 Soci CJMAE in giro x l'Italia e non solo !!!!!



Si è svolto il 7, 8, 9 giugno 2019 a Fermo al quarto raduno Lancia città di Fermo, con collaborazione del CAMPE, del Club Lancia Gamma Italia, del CASPIM, del CJMAE e dell'Autoclub Fagioli di Osimo. La manifestazione egregiamente curata da Carlo Iommi insieme al consigliere comunale con delega al Centro Storico Luigi Rocchi, ha ancora dimostrato la formula vincente scaturita dalla consolidata amicizia tra Clubs marchigiani che già organizzano da 10 anni il Gran Tour delle Marche. Quest'anno la riscoperta dei bellissimi borghi del Fermano ha toccato Moresco, lungo la Valdaso fino a Montelparo con sosta all’agriturismo La Ginestra, il giorno dopo Lapedona e di qui in una cantina della Valdaso, per poi ridiscendere fino a Porto San Giorgio, all'hotel Caminetto sul lungomare. La domenica, lo schieramento in piazza del Popolo a Fermo, con presentazione dei veicoli e visita dei partecipanti al centro storico, compresa la Biblioteca e una applaudita prestazione di baby sbandieratori e tamburini di Contrada Pila. Un giro in auto tra gli stretti vicoli della città romana ha completato la splendida mattinata. Dopo il pranzo a Piazza del Popolo una gara di abilità, ovvero uno slalom a tempo tra i birilli, che è terminata con la vittoria finale del Jolly del Club di Jesi pilotato da Emanuele Scarpini, assistito dal neo presidente Luciano Trozzi, seconda la specialista Dott.ssa Sylvia Pierdicca su Beta Spider con a fianco marito Sauro Stacchi. Buon terzo il Past President CJMAE Fabio Fittajoli su Appia I serie abilmente coadiuvato dalla consorte Silvia Pasini.
 
Raduno auto d'epoca a Castelferretti (AN):
 

 
Raduno Internazionale INNOCENTI a San Marino, presente il nostro segretario Bruno Barchiesi:
 
Raduno Nazionale di Moto Guzzi a Gubbio, presenti 6 equipaggi:
 
 

Dalla Città di Federico II

Il Club Jesino Moto e Auto d’Epoca – CJMAE, Club Federato ASI, torna ad offrire alla Città di Jesi e a tutta la Vallesina una bellissima manifestazione di auto storiche, denominata “ Dalla Città di Federico II° “ edizione 2019, valevole per il Trofeo Nazionale “ Marco Polo “. La manifestazione rivolta alle auto omologate ASI ( Automotoclub Storico Italiano ), svoltasi su due giorni ha visto un pregevolissimo livello qualitativo, ed un’ottima presenza di modelli auto molto ricercati ed accattivanti.  Alcuni di questi sono stati una Ford A 1929, Ferrari Dino 246 GT 1972, Alfa Romeo 1900 C Super Sprint 1955, Alfa Romeo Giulia Spider 1963, Alfa Romeo Giulia SS 1964, Austin Healey 100/6 del 1957 quest’ultima proveniente direttamente dalla Slovenia, una Jaguar E Type Spider 1963, Ferrari 208 GT4 Dino 1976, e tantissimi altri modelli, provenienti da molteplici regioni d’Italia.
Questo importante evento per il Club Cjmae di Jesi,  è oramai un appuntamento annuale molto atteso per tutti gli amanti ed appassionati del settore motoristico storico italiano, che ha l’intento di promuovere la cultura dei veicoli storici e al contempo associarvi insieme iniziative turistico culturali del nostro territorio, offrendo nuova conoscenza di luoghi ed itinerari da scoprire, come infatti è stato con la visita all’Antica Cantina di S. Amico di Morro d’Alba, la visita del Centro storico di Jesi e la possibilità di far godere a tutta la popolazione presente la nostra Piazza della Repubblica, in concomitanza della mostra statica delle auto storiche.
Ulteriore elemento qualitativo che ha contraddistinto positivamente l’evento motoristico, è stata la sfilata e presentazione una ad una delle auto storiche da parte del Presidente del Cjmae Luciano Trozzi, in presenza di moltissimi cittadini che erano appositamente pervenuti nel pomeriggio di Sabato 1 Giugno presso Piazza della Repubblica. Questo spettacolo offerto alla popolazione è stato molto gradito ed applaudito.
Come valore aggiunto alla manifestazione, il Club Cjmae, ha anche organizzato presso il Palazzo dei Convegni di Jesi, un Seminario dal titolo “ Alfa Romeo Giulia Spider: ottimo equilibrio fra design e tecnica “ svolto dalla Commissione Cultura ASI.
La manifestazione è proseguita l’indomani 2 Giugno 2019, con una passeggiata automobilistica su di un itinerario paesaggistico marchigiano, con lo scopo di raggiungere la città di Offagna (An), dove è stata organizzata per tutti i partecipanti, una esclusiva visita guidata alla Rocca Medievale e del centro storico, anch’essa risultata entusiasmante.
La manifestazione si è conclusa con la consueta conviviale e premiazione degli equipaggi presso il Ristorante Erard di Montecarotto, esprimendo a tutti un caloroso arrivederci al prossimo anno.                                                                                                                          
Il Cjmae è pienamente consapevole che tutto ciò che è stato possibile fare e raccontare su questa bellissima e ben riuscita manifestazione, è stato grazie alla piena volontà di collaborazione che l’Amministrazione Comunale Jesina ha dimostrato, e ringrazia questo chiaro intento.












 

ASI Motoshow 2019

6 centauri del CJMAE in pista a Varano dei Melegari all’ASI MOTO SHOW, un evento di moto storiche per eccellenza che si è svolta presso all’Autodromo Riccardo Paletti nei giorni 24-25-26 Maggio, alla presenza di un pubblico di appassionati, che hanno potuto assistere a un vero e proprio museo in movimento di motociclette di tutti i generi e di tutte le epoche, dai motoveicoli dei primi del ‘900 alle rombanti moto da competizione degli anni ’80 e ’90, dalle m...oto che hanno fatto la storia ai prototipi più rari. I partecipanti sono stati oltre 500 provenienti da tutta Europa, con una consistente presenza di francesi e cecoslovacchi per un totale di 750 moto in pista, e circa un migliaio di moto esposte nel paddock.
Significativa anche la presenza di FIVA (Fédération Internationale des Véhicules Anciens) con un proprio stand, nel quale erano esposte alcune moto dal valore storico assoluto.
Hanno partecipato a questo grande evento anche numerosi Campioni: Giacomo Agostini presente insieme al figlio Giacomino, Freddie Spencer, Pier Paolo Bianchi, Carlos Lavado, Steve Baker, Christian Sarron, Hubert Rigal, Jean Francois Baldè, Peter Balaz e Roberto Gallina, che si sono potuti confrontare, rimanendone favorevolmente impressionati, con i motociclisti del CJMAE qui, in ordine alfabetico: Barchiesi Bruno, Coacci Fiorenzo, Ferrini Adriano, Fittajoli Fabio, Margarucci Pierino e Piccioni Pietro. Fortunatamente la pioggia caduta solo il sabato notte e la domenica, ha permesso ai nostri impavidi prestazioni da record!



Vallesina in Moto 2019

Lo spirito del motociclista non si è minimamente assopito nemmeno Domenica 19 di un Maggio mai così piovoso, così che oltre 40 moto in gran parte ante guerra e certificate ASI sono state guidate dai propri fortunati proprietari per partecipare alla XXI edizione” VALLESINA IN MOTO” ormai un motoraduno imperdibile organizzato dal CJMAE Club Jesino Moto ed Auto d’Epoca tenuto a Jesi con concentrazione in Piazza della Repubblica.
Dopo l’iscrizione tutti a Palazzo Bisaccioni, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, per la conferenza pubblica: “ 50 ANNI FA AVVENNE. Le moto per piacere ai giovani”, relatore di eccezione il neo presidente della Commissione Cultura ASI Dott. Luca Manneschi, che un attento pubblico ha ascoltato in religioso silenzio sullo sviluppo ed il cambiamento del motociclismo negli anni 60 -70. E’ stato illustrato, anche con evocati slide, come i ciclomotori da mezzo povero e da lavoro divennero un traguardo per i più giovani in cerca di libertà ed avventura.
Infine il raggiungimento di un sogno quello delle maxi moto e del declino della moto inglese a favore di quelle giapponesi con l’inserimento delle italiane Ducati, Laverda e Guzzi a stimolare i giovani ormai coinvolti nei moti contestativi mondiali.
Dopo una visita all'antico Caveau e alla quadreria della Fondazione, la partenza per Marina di Montemarciano nel suggestivo ristorante “ DA NIALTRI” dove sono stati ringraziati il relatore, il Commissario ASI Francesco Salvini e tutti gli intrepidi partecipanti.







Dalla Città di Fabriano 2019

Si è regolarmente tenuta il 5 maggio 2019 nonostante le catastrofiche previsioni del tempo, decisamente invernale, infatti in Piazza del Comune a Fabriano, si sono presentati numerosi equipaggi a bordo di auto d’epoca, anche di pregio, provenienti da tutte le Marche e dalla vicina Umbria.
Come avviene ormai da 17 anni la manifestazione si propone di far conoscere il territorio, la cultura e l’enogastronomia del Fabrianese e quest’anno è stata scelta l’Abbazia di Santa Crocea Sassoferrato.
Quest'abbazia particolarmente misteriosa fu fatta costruire dai Conti Atti, Signori di Sassoferrato, nel XII secolo, per ospitare i monaci camaldolesi provenienti dalla vicina San Vittore delle Chiuse, utilizzando le pietre dell'antica città di Sentinum, città edificata nel 600 a.C., prima di proprietà dei galli e successivamente conquistata dai romani.
La gentilissima guida ha spiegato agli attenti partecipanti che la abbazia ha una particolarità, essa è stata inspiegabilmente inglobata da un'altra costruzione che ha fatto sì che dall'esterno non appaia assolutamente nulla della sua vera architettura.
Interessante è la serie di elementi simbolici che la legano inesorabilmente la struttura ai cavalieri templari, inoltre nella chiesa, che sorge su un tempio pagano sacro al Dio Mitra, vi è ancora la raffigurazione di questo dio nella originale parete esterna.
Notevoli anche gli affreschi di scuola fabrianese del XIV Secolo e delle pregevolissime opere pittoriche a cominciare dalla raffinatissima pala raffigurante San Benedetto, realizzata nel 1524 da Pietro Paolo Agabiti.
Sotto una scrosciante pioggia si è raggiunto il ristorante la BAITA di Arcevia, dove è stato ricordato l’amico e socio fondatore del CJMAE, Silvano Giardinieri, che ci ha lasciato il 3 maggio con grande rimpianto per tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato come meccanico, come pilota e campione di kart e di auto e come collezionista ed grande esperto di mezzi d’epoca, ma soprattutto come uomo, preciso, rigoroso verso se stesso e sempre disponibile con gli appassionati che attingevano a piene mani dalla sua esperienza e conoscenza.


 

Nuovo Presidente dell'ASI - Alberto Scuro

 
https://ruoteclassiche.quattroruote.it/alberto-scuro-e-il-nuovo-presidente-dellasi/Le votazioni hanno proclamato Alberto Scuro  Presidente dell’Asi per il quadriennio 2019-2022. Scuro ha ottenuto 1844 preferenze mentre gli altri candidati Pietro Piacquadio e Mauro Giansante hanno conquistato rispettivamente 1665 e 98 voti.

Erano accreditati 252 club per 3640 voti. Hanno votato 251 club per 3633 voti; astenuti 1.

Il neo Consiglio Federale è cosi composto: Antonio Verzera (1691 preferenze), Agnese Di Matteo (1672), Paolo Pininfarina (1618), Leonardo Greco (1550), Ugo Gambardella (1472), Antonio Traversa (1467), Maurizio Speziali (1441), Francesco Battista (1419), Riccardo Zavatti (1418), Carlo Giuliani (1352), Arcangelo Conserva (1327), Marco Galassi (1309).



https://ruoteclassiche.quattroruote.it/alberto-scuro-e-il-nuovo-presidente-dellasi/

CJMAE x il sociale 13/04/2019





Gli ospiti della Residenza Anziani Collegio Pergolesi di Jesi sabato 13 aprile hanno avuto la gradita sorpresa di poter ammirare, nel tranquillo parco antistante la storica struttura, numerose auto d’epoca messe a disposizione dai soci del CJMAE.
La concentrazione dei veicoli storici è stata organizzata per sostenere la Onlus Associazione Volontariato Residenza per gli Anziani Collegio Pergolesi con l’acquisto di uno dei quattro carrelli infermieristic...i di cui la struttura si doterà per dispensare la dovuta assistenza alla accoglienza degli anziani nelle 24 stanze distribuite al primo e secondo piano.
I partecipanti sono stati guidati all’interno del complesso, già sede del convitto, dal Direttore Enrico Carrescia, che nella sala riunioni, che in molti hanno riconosciuto con nostalgia come il Cinema Famiglia, ha illustrato gli scopi, il funzionamento e le prospettive future della Casa Famiglia predisposta per accogliere persone anziane di ambo i sessi, autosufficienti o meno e per offrire loro la possibilità di vivere in un contesto sereno ed esteticamente gradevole, con un modello organizzativo vicino alla vita "della famiglia".
Dopo un eccellente pranzo consumato dagli equipaggi all’interno del Collegio, la Banda Musicale G.B. Pergolesi Città di Jesi è intervenuta suonando sul piazzale conosciuti brani musicali, apprezzati ed applauditi dagli ospiti e dai partecipanti al raduno.
Il Presidente della ONLUS Rag. Paolo Troiani ha avuto modo di ringraziare il CJMAE e l’Avv. Fabio Fittajoli, che si è prodigato per l’evento, per i piacevoli ricordi suscitati negli ospiti e per l’aiuto concreto ricevuto.

NUOVO DIRETTIVO - ELEZIONI DEL 16 MARZO 2019




Gita Sociale Sabato 06 Aprile 2019

Prima uscita del CJMAE, dopo l’Assemblea Elettiva del 16.03.19, è stata la gita del 6 aprile ’19 per visitare la collezione di trattori d’epoca di Aleandro Piccioni, di S. Nicolò di Spoleto (PG). Questo simpatico e cordiale personaggio (foto su trattore) ha ricercato in tutti i mercati d’Italia mezzi agricoli, soprattutto trattori, e motociclette, riempiendo 4 piani di due grossi capannoni di questi mezzi per lo più funzionanti.
Conosciuto da Bruno Barchiesi ad un cimento motociclistico, si è reso subito disponibile a far vedere le sue creature. 55 soci CJMAE hanno colto l’occasione di ammirare non solo le centinaia di macchine agricole, ma anche una incredibile collezione di moto dai primi anni del 900 ai giorni nostri.
Già che si era in Umbria è stata organizzata anche una fermata con pranzo a Santa Maria degli Angeli di Assisi  dove il Past President Fabio Fittajoli aveva avuto l’invito di Sergio Sciarpetti di visionare il suo Museo dello Scooter che conta attualmente circa 80 mezzi, 18 dei quali costruiti prima del 1923.
Oltre ai marchi storici nazionali come Vespa e Lambretta, dei quali si è apprezzato l'excursus storico con l'evoluzione tecnica e stilistica dei vari modelli, la collezione vanta anche pezzi provenienti dall'estero di particolare pregio.